Pandemonium

IL CUBO MAGICO

Regia Tiziano Manzini

Il cubo magico...ovvero la morbida pietra filosofale del gioco 

Quando si lavora con i bambini si apprendono da loro modi di vedere e di sentire. Questo spettacolo ha nello sguardo dei bambini verso il mondo, il punto focale del lavoro. È uno spettacolo che vuole recuperare il lavoro svolto in tanti anni di contatto diretto con il mondo infantile senza esserne un freddo osservatore ma giocando, dialogando e divertendosi con loro.
In scena due personaggi che giocano e attraverso il gioco imparano a conoscere ciò che sta loro intorno…

Questa è la storia dell’incontro di UNO e L’ALTRO.
Tutti e due entrano in uno strano mondo fatto solo di cubi.
Cubi grandi, cubi piccoli, cubi grigi, cubi rosa, cubi gialli, cubi azzurri…
UNO ha due occhi, un naso, due mani: guarda, odora e tocca quei cubi che per lui sono solo cubi, nient’altro.
L’ALTRO ha due occhi, un naso, due mani e… qualcosa di speciale: guarda, odora e tocca quei cubi… ed ecco apparire da semplici cubi un intero mondo, dentro il quale pian piano coinvolge anche UNO!
Perché un cubo può diventare uno sgabello per sedersi a parlare ma anche un muro che divide come nelle guerre. E sotto una maglietta può essere la pancia di una mamma e sopra la testa un cappello, o un palloncino che ti porta in giro per guardare tutto il mondo!

con Yuri Plebani/ Luca Giudici - Walter Maconi
diTiziano Manzini
realizzazione sagome e materiali sceniciGraziano Venturuzzo
musichetratte dall’opera di Glenn Miller e Benny Goodman
costumidi Emanuela Palazzi realizzati da Marilena Burini
luciCarlo Villa
regiaTiziano Manzini